fbpx

ITINERARIO MAROCCO EXCLUSIVE

Un viaggio di gruppo in Marocco spettacolare che ci porterà alla scoperta dei suoi monti, il suo deserto e le sue città imperiali.

Ci immergeremo completamente nella cultura locale evitando alberghi lussuosi o grandi autobus turistici, preferiremo noleggiare un piccolo pulmino solo per noi, dormiremo in alberghetti, nelle riad e in tenda nel deserto, proveremo l’ottima cucina marocchina e ci perderemo nelle intricate stradine delle medine ricche di mercati, colori e profumi particolari.

Dopo aver visitato la splendida moschea di Casablanca il nostro viaggio organizzato in Marocco proseguirà  verso Rabat, una città tutta da scoprire, per poi raggiungere Chefchaouen, che con le sue case blu è considerata una delle più belle città del Marocco e sicuramente una delle più famose. Ci dirigeremo poi verso Fes passando da Meknes per una doverosa visita a una delle quattro città imperiali. Visiteremo la gigantesca medina di Fes (la più grande del mondo) con la sua famosa conceria dove le pelli sono lavorate a mano. Proseguiremo verso il deserto, supereremo le gole dello Ziz per arrivare a Merzouga da dove, con dei dromedari, raggiungeremo Erg Chebbi, il nostro accampamento berbero proprio in mezzo al deserto dove passeremo la notte. Ancora sulla strada ci meraviglieremo dei panorami che incontreremo superando luoghi idilliaci come le Gole di Todra e di Dades, visiteremo Ait Ben Haddou, simbolo del Marocco e set del film Il Gladiatore. Infine Marrakech la più importante delle città imperiali con la sua splendida medina che si sviluppa intorno al cuore pulsante della città: Jamaa el Fna, la piazza degli impiccati, ricca di musicisti, artisti e incantatori di serpenti.

Tante sono le sorprese che questo paese ha in serbo e di una cosa siamo sicuri, non vi dimenticherete tanto facilmente di questo viaggio di gruppo in Marocco !

TAPPE

Giorno 1Tutti a Casablanca!!!

Finalmente ci siamo, comincia il nostro viaggio avventura in Marocco!

Oggi ci ritroveremo in aeroporto e voleremo tutti insieme verso Casablanca.

 

Giorno 2 -Casablanca e Rabat

La mattina visiteremo la spettacolare moschea di Hassan II, la più grande del Marocco e una delle più grandi del mondo. Ci dirigeremo quindi verso Rabat, costruita sulla riva del fiume Bou Regreg, la città si affaccia sull’Oceano Atlantico e domina la costa nord-occidentale del Marocco. Rabat è stata dichiara nel 2012 Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco ed è oggi un bene protetto, non solo per il suo centro storico ma anche per la città moderna che ha saputo svilupparsi e amalgamarsi con il prezioso patrimonio culturale preesistente.
Finita la visita di Rabat partiremo verso nord alla volta di Chefchaouen, la perla blu del marocco dove pernotteremo.

Giorno 3 -Chefchaouen, la perla blu del Marocco

Splendidamente arroccato sotto le cime crude del Rif, Chefchaouen è una delle città più belle del Marocco, un villaggio di montagna artistico e blu che sembra mischiarsi col cielo. La vecchia medina è una delizia dell’influenza marocchina e andalusa con tetti di tegole rosse, edifici blu acceso e stretti vicoli che convergono sulla trafficata Plaza Uta El Hammam e la sua kasbah restaurata.
Dedicheremo alla città blu l’intera mattinata per poi spostarci a Meknes, una delle quattro città imperiali insieme a Rabat, Fes e Marrakech. Una guida ci illustrerà le meraviglie della città come la gigantesca porta Bab Mansour, la più maestosa delle porte imperiali del Marocco, oppure il meraviglioso mausoleo di Moulay Ismail o ancora l’enorme complesso dagli alti soffitti a volta di Heri es Souani, noto anche come Dar el Ma, un insieme di magazzini, stalle, granai, depositi e fienili utilizzati dal sultano Moulay Ismail per stoccare viveri in caso di siccità o di assedio, all’interno del complesso trovavano ricovero 12 mila cavalli!!

Avremo tempo per fare cena a Meknes in una deliziosa riad prima di raggiungere Fes dove passeremo la notte.

Giorno 4 -Il magnifico labirinto di Fez

La città imperiale di Fez (o Fes) vanta la medina più grande del mondo. Un vero e proprio labirinto di strade (oltre 9 mila!!!!) praticamente impossibile da visitare senza l’aiuto di una guida esperta. Sembrerà di fare un tuffo nel passato respirando un’aria medievale dove le merci vengono ancora trasportate a dorso d’asino: ci perderemo tra paesaggi meravigliosi, mercati di tappeti e di ottone, suoni e profumi particolari circondati da innumerevoli colori. Non mancheremo di visitare la famosissima conceria dove le pelli sono ancora lavorate a mano… magari con qualche foglia di menta sotto al naso!
Una volta visitata Fez partiremo verso le gole dello Ziz che raggiungeremo in tarda serata, lungo la strada sarà possibile fermarsi ad Efrane (la piccola svizzera) o alla foresta dei cedri.

Giorno 5 - Dalle Gole dello Ziz fino al Sahara

Dalle gole dello Ziz ripartiamo in direzione Merzouga. Siamo sulla via delle kasbah.
La kasbah (dall’arabo “qa’aba”, che significa cittadella, fortezza) è un’antica dimora patriarcale: un tempo era la residenza dei grandi “caid” berberi, amministratori locali che vi risiedevano tra una guerra e l’altra.
Ne visiteremo alcune prima di giungere a Meski una graziosa oasi dove potremo apprendere gli usi e i costumi della popolazione locale. Arriveremo poi a Merzouga, il deserto di sabbia e dune (o erg) si stende infinito di fronte a noi, prepareremo quindi tutto il necessario e in sella ai nostri dromedari ci addentreremo tra le sabbie sconfinate fino al nostro accampamento tendato. Un tramonto infuocato ci lascerà senza fiato e dopo un’ottima cena tipica consumata nelle tende berbere accenderemo il fuoco e ci lasceremo meravigliare dall’infinita quantità di stelle che si vedono dal deserto.

Giorno 6 -Le gole di Todra e le Gole di Dades

Dopo essersi goduti una splendida alba sul deserto risaliremo sulle jeep che ci riporteranno ai nostri mitici pulmini e ripartiremo verso le gole di Todra: passeggeremo nello stretto canyon che ci regalerà uno scenario unico.
Ancora sulla strada verso le gole di Dades.

Una volta arrivati in prossimità delle gole il paesaggio cambia completamente, le rocce si fanno rossastre e assumono delle forme particolari e affascinanti. La strada offre dei bellissimi scorci e ci fermeremo tutte le volte che vorremo per fare foto splendide.

Non distante dal nostro hotel risaliremo la strada a tornanti più famosa del Marocco e dalla sua cima godremo di un panorama spettacolare che non dimenticheremo mai.

Raggiungeremo l’hotel nel tardo pomeriggio, tempo di riprenderci e saremo pronti per goderci una deliziosa cena a base di piatti tipici marocchini.

 

N.B. se il gruppo lo vorrà oggi sarà possibile effettuare un’escursione in jeep sui monti dell’Atlante o nel deserto per imparare di più su questo ambiente ostile ma super affascinante

Giorno 7 -Ait Ben Haddou la città fortificata più famosa del paese

Di nuovo sulla strada arriveremo in prossimità del fiume Ouarzazate ed andremo a visitare la mitica Ait Ben Haddou una città fortificata (o ksar) costruita lungo la rotta carovaniera tra il Sahara e Marrakech.
Ait Ben Haddou è uno dei più famosi simboli del Marocco: patrimonio dell’Umanità UNESCO è anche un famoso set cinematografico dove sono girati film come Il Gladiatore.
Continueremo poi per Marrakech chiamata anche la città rossa, quarta città per dimensione del Marocco dopo la capitale Rabat, Fez e Casablanca.

Giorno 8 -Marrakech

Oggi dedicheremo la giornata alla visita di Marrakech, la più importante delle città imperiali del Marocco.
Marrakech ha una medina incantevole, ricca di mercati, hammam dove potersi rilassare e chioschetti dove sarà possibile provare il meglio della cucina marocchina.
Al centro della medina c’è il cuore pulsante di Marrakech, Jamaa el Fna, la piazza centrale dove si possono incontrare acrobati, musicisti, ballerini, incantatori di serpenti e tanti chioschi dove provare dell’ottimo street food.

Giorno 9 -Salutiamo il Marocco

Ragazzi è arrivato il momento di salutarci, oggi finisce il nostro viaggio avventura in Marocco , ma come sempre è solo un arrivederci fino alla prossima!

MAPPA

ITINERARIO MAROCCO EXCLUSIVE

Giorno 1 -Tutti a Casablanca!!!

Finalmente ci siamo, comincia il nostro viaggio avventura in Marocco!

Oggi ci ritroveremo in aeroporto e voleremo tutti insieme verso Casablanca.

Giorno 2 -Casablanca e Rabat

La mattina visiteremo la spettacolare moschea di Hassan II, la più grande del Marocco e una delle più grandi del mondo. Ci dirigeremo quindi verso Rabat, costruita sulla riva del fiume Bou Regreg, la città si affaccia sull’Oceano Atlantico e domina la costa nord-occidentale del Marocco. Rabat è stata dichiara nel 2012 Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco ed è oggi un bene protetto, non solo per il suo centro storico ma anche per la città moderna che ha saputo svilupparsi e amalgamarsi con il prezioso patrimonio culturale preesistente.
Finita la visita di Rabat partiremo verso nord alla volta di Chefchaouen, la perla blu del marocco dove pernotteremo.

Giorno 3 -Chefchaouen, la perla blu del Marocco

Splendidamente arroccato sotto le cime crude del Rif, Chefchaouen è una delle città più belle del Marocco, un villaggio di montagna artistico e blu che sembra mischiarsi col cielo. La vecchia medina è una delizia dell’influenza marocchina e andalusa con tetti di tegole rosse, edifici blu acceso e stretti vicoli che convergono sulla trafficata Plaza Uta El Hammam e la sua kasbah restaurata.
Dedicheremo alla città blu l’intera mattinata per poi spostarci a Meknes, una delle quattro città imperiali insieme a Rabat, Fes e Marrakech. Una guida ci illustrerà le meraviglie della città come la gigantesca porta Bab Mansour, la più maestosa delle porte imperiali del Marocco, oppure il meraviglioso mausoleo di Moulay Ismail o ancora l’enorme complesso dagli alti soffitti a volta di Heri es Souani, noto anche come Dar el Ma, un insieme di magazzini, stalle, granai, depositi e fienili utilizzati dal sultano Moulay Ismail per stoccare viveri in caso di siccità o di assedio, all’interno del complesso trovavano ricovero 12 mila cavalli!!

Avremo tempo per fare cena a Meknes in una deliziosa riad prima di raggiungere Fes dove passeremo la notte.

Giorno 4 -Il magnifico labirinto di Fez

La città imperiale di Fez (o Fes) vanta la medina più grande del mondo. Un vero e proprio labirinto di strade (oltre 9 mila!!!!) praticamente impossibile da visitare senza l’aiuto di una guida esperta. Sembrerà di fare un tuffo nel passato respirando un’aria medievale dove le merci vengono ancora trasportate a dorso d’asino: ci perderemo tra paesaggi meravigliosi, mercati di tappeti e di ottone, suoni e profumi particolari circondati da innumerevoli colori. Non mancheremo di visitare la famosissima conceria dove le pelli sono ancora lavorate a mano… magari con qualche foglia di menta sotto al naso!
Una volta visitata Fez partiremo verso le gole dello Ziz che raggiungeremo in tarda serata, lungo la strada sarà possibile fermarsi ad Efrane (la piccola svizzera) o alla foresta dei cedri.

Giorno 5 - Dalle Gole dello Ziz fino al Sahara

Dalle gole dello Ziz ripartiamo in direzione Merzouga. Siamo sulla via delle kasbah.
La kasbah (dall’arabo “qa’aba”, che significa cittadella, fortezza) è un’antica dimora patriarcale: un tempo era la residenza dei grandi “caid” berberi, amministratori locali che vi risiedevano tra una guerra e l’altra.
Ne visiteremo alcune prima di giungere a Meski una graziosa oasi dove potremo apprendere gli usi e i costumi della popolazione locale. Arriveremo poi a Merzouga, il deserto di sabbia e dune (o erg) si stende infinito di fronte a noi, prepareremo quindi tutto il necessario e in sella ai nostri dromedari ci addentreremo tra le sabbie sconfinate fino al nostro accampamento tendato. Un tramonto infuocato ci lascerà senza fiato e dopo un’ottima cena tipica consumata nelle tende berbere accenderemo il fuoco e ci lasceremo meravigliare dall’infinita quantità di stelle che si vedono dal deserto.

Giorno 6 -Le gole di Todra e le Gole di Dades

Dopo essersi goduti una splendida alba sul deserto risaliremo sulle jeep che ci riporteranno ai nostri mitici pulmini e ripartiremo verso le gole di Todra: passeggeremo nello stretto canyon che ci regalerà uno scenario unico.
Ancora sulla strada verso le gole di Dades.

Una volta arrivati in prossimità delle gole il paesaggio cambia completamente, le rocce si fanno rossastre e assumono delle forme particolari e affascinanti. La strada offre dei bellissimi scorci e ci fermeremo tutte le volte che vorremo per fare foto splendide.

Non distante dal nostro hotel risaliremo la strada a tornanti più famosa del Marocco e dalla sua cima godremo di un panorama spettacolare che non dimenticheremo mai.

Raggiungeremo l’hotel nel tardo pomeriggio, tempo di riprenderci e saremo pronti per goderci una deliziosa cena a base di piatti tipici marocchini.

 

N.B. se il gruppo lo vorrà oggi sarà possibile effettuare un’escursione in jeep sui monti dell’Atlante o nel deserto per imparare di più su questo ambiente ostile ma super affascinante

Giorno 7 -Ait Ben Haddou la città fortificata più famosa del paese

Di nuovo sulla strada arriveremo in prossimità del fiume Ouarzazate ed andremo a visitare la mitica Ait Ben Haddou una città fortificata (o ksar) costruita lungo la rotta carovaniera tra il Sahara e Marrakech.
Ait Ben Haddou è uno dei più famosi simboli del Marocco: patrimonio dell’Umanità UNESCO è anche un famoso set cinematografico dove sono girati film come Il Gladiatore.
Continueremo poi per Marrakech chiamata anche la città rossa, quarta città per dimensione del Marocco dopo la capitale Rabat, Fez e Casablanca.

Giorno 8 -Marrakech

Oggi dedicheremo la giornata alla visita di Marrakech, la più importante delle città imperiali del Marocco.
Marrakech ha una medina incantevole, ricca di mercati, hammam dove potersi rilassare e chioschetti dove sarà possibile provare il meglio della cucina marocchina.
Al centro della medina c’è il cuore pulsante di Marrakech, Jamaa el Fna, la piazza centrale dove si possono incontrare acrobati, musicisti, ballerini, incantatori di serpenti e tanti chioschi dove provare dell’ottimo street food.

Giorno 9 -Salutiamo il Marocco

Ragazzi è arrivato il momento di salutarci, oggi finisce il nostro viaggio avventura in Marocco , ma come sempre è solo un arrivederci fino alla prossima!

MAPPA